Due dottoresse e sanitari ambulanza aggrediti nel week end, 3 mila casi l'anno

Italia, Lunedì 16 Aprile 2018 - 20:10 di Redazione

Ennesime aggressioni per medici e personale sanitario nel week end. A Napoli, una dottoressa del 118 è stata aggredita, insieme ad altri operatori del 118, e presa a schiaffi, pugni e sputi dai parenti e amici di una coppia caduta dal motorino, che stava soccorrendo. A Roma, all'ospedale Sant'Andrea, un uomo in preda all'ira, padre di un ricoverato, si è scagliato contro la dottoressa di turno minacciandola di morte e stringendole le mani al collo. A Palese, in provincia di Bari, un intero equipaggio del 118 è stato tenuto sotto scacco da un paziente armato di una spada katana, riuscendo a sfuggire per miracolo alla sua furia. La denuncia arriva dallaFederazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) che avverte: "a rischio è la stessa relazione di cura medico-paziente. Improcrastinabile un cambio di passo, che restituisca a tutti, medici e pazienti, strutture e organizzazioni in grado di rispondere alle richieste di salute - afferma il presidente Fnomceo Filippo AnelliSecondo la stima della Fiaso, la Federazione di Asl e Ospedali, sono tremila le aggressioni ogni anno a medici e personale sanitario. Il calcolo arriva dopo gli episodi emersi oggi a Napoli, Roma e in provincia di Bari. Solo all'Inail sono stati denunciati 1.200 casi. "Le aggressioni negli ospedali e negli ambulatori pubblici sono un'emergenza che richiede risposte d'emergenza, a cominciare dall'inasprimento delle pene per chi aggredisce gli operatori delle aziende sanitarie", propone la Federazione. 

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code